Massimo Barra rieletto ai vertici di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa

L' italiano Massimo Barra è stato rieletto per un terzo mandato consecutivo alla Commissione Permanente della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, massimo organo di un Movimento che contando oltre 17 milioni di aderenti suddivisi fra 190 Società Nazionali è la più vasta rete umanitaria al mondo.

La rielezione è avvenuta nei giorni scorsi al termine della 32ma Conferenza riunita a Ginevra. Barra, il medico che nel 1976 diede vita a Villa Maraini, storico centro antidroghe romano, ha raccolto 174 preferenze, due più del quorum richiesto alla prima votazione, rientrando così fra i cinque componenti elettivi della Commmissione di cui fanno parte anche quattro componenti di diritto. Nell'esprimere grande soddisfazione, Barra - che oggi ha 68 anni e che fa parte della Commissione Permanente ininterrottamente dal 2008 - ha voluto ringraziare il governo italiano, e in particolare il Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni e il Sottosegretario Benedetto Della Vedova, per il deciso appoggio dato alla sua candidatura.

La Commissione Permanente, che rimane in carica per quattro anni, ha il compito in particolare di garantire armonici rapporti fra le tre componenti del Movimento e al loro interno: il Comitato Internazionale della Croce Rossa, la Federazione Internazionale delle Società della Croce Rossa e delle Mezzaluna Rossa e le Società nazionali della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa. Inoltre la Commissione è incaricata di rappresentare il Movimento in tutte le sedi fra una Conferenza e l'altra.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.