Che cos’è l’Anfetamina?

Le amfetamine sono delle sostanze conosciute già da tempo, utilizzate in guerra per accrescere le capacità di attenzione e di resistenza soprattutto dei piloti d’aereo. Erano conosciute, negli anni Venti e Trenta, con il nome commerciale Simpamina dagli studenti che ne facevano uso per incrementare le capacità di studio e la resistenza alle fatiche. Le amfetamine aumentano la potenza della macchina umana creando una situazione analoga a quella delle vetture truccate: si può mettere un motore Ferrari in una Cinquecento, se ne possono aumentare le prestazioni, ma in seguito la Cinquecento perderà i pezzi non essendo carrozzata per tollerare tanta potenza.
 
Inoltre tali sostanze annullano la sensazione di fatica, che possiamo considerare un meccanismo autolimitante del nostro corpo permettendo in questo modo prestazioni per le quali l’uomo non è “carrozzato” e preparato. Assumendo l’amfetamina si ha quindi la sensazione di aver maggior prontezza di riflessi, fiducia e benessere; scompaiono le sensazioni di fame e fatica, ma non scompare il bisogno dell’organismo di cibo e riposo. La maggior parte dell’amfetamina prodotta illegalmente è il solfato di anfetamina che si presenta sotto forma di polvere, in pasticche o capsule. L’amfetamina può essere sniffata, inghiottita, fumata o inniettata.
 
Il metodo più usato, poiché ne aumenta la durata, è quello di ingoiarla; sniffandola si ha un effetto più rapido ma crea lesioni al naso, iniettarla aumenta notevolmente i rischi di overdose dato che la sostanza raggiunge rapidamente il cervello, inoltre le impurità presenti vengono introdotte direttamente nel flusso sanguigno con rischio di infezioni quali la setticemia. L’uso regolare può creare assuefazione e un forte desiderio per la sostanza, nel tempo si possono avere seri problemi fisici e mentali.

Quali conseguenze?

Quando termina l’effetto dell’anfetamina si ha un crollo: ci si sente spossati, irritabili, depressi. Questo spesso porta il tossicodipendente a prendere una maggiore quantità di amfetamina per evitare il crollo. Un uso prolungato di amfetamina oltre a provocare una forte diminuzione di peso, può essere causa di psicosi, il consumatore può avere manie di persecuzione, credere di essere seguito oppure perseguitato, anche con una sola assunzione si possono manifestare stati psicotici.

Come intervenire

La potenzialità d’abuso èlegata agli effetti euforici. La neurobiologia ha permesso di comprendere in dettaglio gli aspetti legati all’abuso di queste sostanze, ma non esistono trattamenti specifici in caso di sovradosaggio, ricorrendo alle terapie previste per l’abuso di cocaina. Importante (in particolar modo per l’”ecstasy”) è la possibilità di effetti tossici potenzialmente letali, tra i quali aritmie cardiache, rabdomiolisi, ipertermia, collasso cardiovascolare, insufficienza renale, effetti sconosciuti agli abituali assuntori. E’ inoltre descritta una sindrome astinenziale caratterizzata da stato ansioso-depressivo, insonnia, apatia, ed in genere trattata con sertralina e fluoxetina.

La legge

L’anfetamina è illegale e per legge è equiparata ad eroina e cocaina, sostanze derivate sono impiegate sotto controllo medico in diete dimagranti, per l’effetto anoressizzante ed euforizzante

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.