Legislazione

Ogni cittadino italiano che incorre in reati, qualsiasi reato, può trovarsi nella condizione di dover rispondere alla legge o in custodia cautelare o in libertà. Nel caso che il Magistrato ritenga di detenere la persona in custodia Cautelare questa si ritroverà o in carcere o agli arresti domiciliari fino al compimento di tutto l’iter giudiziario.
 
Al compimento di questo iter il soggetto se condannato diverrà definitivo e la sua sentenza esecutiva. Un cittadino tossicodipendente, con problemi di giustizia, finch&egrave non ha concluso l’iter giudiziario, può ottenere gli arresti domiciliari, anche, per motivi terapeutici (in comunità residenziale, in comunità diurna, presso il Ser.T., etc.), Art. 89 della 309/90 T.U..
 
Ogni persona con una sentenza definitiva deve scontare la pena comminata, con la detenzione in carcere o in misura alternativa se ricorrono i presupposti. Un cittadino tossicodipendente con sentenza definitiva può usufruire della normativa in vigore, legge Simeone-Saraceni e Art. 90 e 94 309/90 T.U..
 
Se la sentenza o il residuo pena &egrave inferiore ai quattro anni, potendo dimostrare con certificato del Servizio Sanitario Nazionale (ASL e Ser.T.) la propria tossicodipendenza o alcooldipendenza, si può scontare la propria pena in alternativa alla detenzione presso un programma socio riabilitativo.
I documenti richiesti dalla normativa in vigore per l’applicazione dell’Art. 94(affidamento in prova al Servizio Sociale per motivi terapeutici) sono:
  • domanda dell’interessato;
  • certificato di tossicodipendenza o alcooldipendenza rilasciato dal SSN;
  • disponibilità della struttura (pubblica o privata) ad accogliere l’interessato;
  • programma della struttura personalizzato e controfirmato dall’interessato;
  • idoneità del programma rilasciata dal Ser.T. di competenza dell’interessato.
Questo beneficio può essere concesso non più di due volte. I documenti necessari per l’Art. 90 (sospensione della pena) sono:
  • certificato di tossicodipendenza o alcooldipendenza rilasciato dal SSN;
  • dichiarazione della struttura di programma terapeutico socioriabilitativo concluso o in via di conclusione. Questo beneficio può essere concesso una sola volta.
 
La concessione dell’Art. 90 comporta la sospensione della pena per cinque anni, salvo commettere reati non colposi durante questo periodo, nel caso il soggetto commetta un reato la sospensione della pena viene revocata e viene emesso un ordine di esecuzione. Tutto ciò rimane valido anche per i cittadini non italiani comunitari o extracomunitari che siano, particolare importante &egrave che questi nella maggioranza dei casi avranno decreto di espulsione (da sentenza) a fine pena.

Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.